Il franco: origini all'euro

Pubblicato : 26/04/2018 14:00:00
Categorie : Numismatica - Moneta

Storia del franco

Unità monetaria della Francia tra 1795 e 1998, il franco è succeduto al libro tornei. Come il franco francese ha evoluto attraverso i secoli? Quest'unità monetaria emblematica è strettamente legata alla storia della Francia. È anche oggetto di numerose raccolte da parte dei numismatici.

Come il franco ha sorto?

È il 5 dicembre 1380 a Compiègne che sono colpiti i primi franchi. Più precisamente, qualsiasi prima moneta è definita “ferro di cavallo„: è messa in circolazione nel 1381. Lo avers di questa parte rappresenta Giovanni II il buono sul suo cavallo. Quanto all'inverso, rappresenta una croce frondosa con quadrilobe in cuore. Perché i primi franchi sono stati creati? Per finanziare il riscatto di Giovanni II il buono che era stato fatto prigioniero alla battaglia di Poitiers nel 1356.

Tra scomparse e riapparizioni del franco

Il franco scompare una prima volta sotto il regno di Charles VI per essere sostituito da un'altra moneta della Francia; l'ECU alla corona da 1385. Ma, i conflitti legati alla guerra di cento anni comportano un'instabilità monetaria nel paese. Grazie alla vittoria di Giovanna d'Arco di fronte agli inglesi ad Orlèans, Charles VII può tuttavia riconquistare il regno. Ne approfitta per fare nuovamente colpire “un franco a cavallo„ che finisce anche per scomparire, sostituito con l'ECU d'oro. Il franco riappare 150 anni più tardi, nel 1475, quando Henri III crea “il franco di denaro„. Ma da 1586, è nuovamente mirato da un divieto a profitto dell'ECU d'oro al sole. Più tardi, Louis XIII riforma il sistema monetario e crea il Louis d'oro.

La creazione del franco decimale quindi del franco germinale

È il 15 agosto 1795 che la legge definisce il franco come valuta ufficiale della repubblica, e ciò in un contesto di crisi finanziaria in seguito alla rivoluzione francese. Il sistema decimale che è basato sulla decina entra allora in scena: il franco è diviso in dieci decime di dieci centesimi ciascuno. Questo nuovo sistema incontra del resto un franco successo presso i cittadini che lo adottano immediatamente. Nel 1803, una nuova svolta ha luogo nella storia del franco. Napoleone Bonaparte, allora primo console, conduce una riforma che mira a risanare il contesto e la circolazione monetaria. Con la legge del 7 aprile 1803, il denaro è all'onore: il franco germinale è del resto chiamato “franco di denaro„. Molte parti (1/4 franco, 2 franchi, 5 franchi…) sono colpite in questo metallo. Il franco germinale resta una valuta stabile fino al 1914.

Il franco alla prova delle due guerre mondiali

Per finanziare il conflitto contro la Germania, il governo si rifiuta di predisporree un'imposta. Preferisce ricorrere al prestito di Stato e al credito inglese ed americano. Le conseguenze furono senza chiamata: si assiste ad un'inflazione e ad un ribasso del franco sul mercato dei cambi. Gli anni 1920 rappresentano un periodo d'offuscamento monetario: nel 1926, il franco vale un dixième del suo valore dell'anteguerra. È Raymond Poincaré che ridefinisce l'unità monetaria nel 1928 e permette di aprire un periodo di stabilità. Ma, la crisi del 1930 e l'occupazione tedesca da giugno 1940 sono duri colpi per il franco.

Del nuovo franco al passaggio all'euro

Nel 1958, il generale de Gaulle conduce una riforma economica: così “il franco pesante„ fa la sua comparsa ed entra in circolazione nel 1960. Un franco è allora uguale a 100 vecchi franchi. In seguito alla costruzione europea, una valuta comune è prevista da 1992: l'euro sostituisce definitivamente il franco nel gennaio 2002.

Posts correlati

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)