Decollare dei francobolli

 Si tratta di una tappa importante nella vita di un filatelista, che può sembrare semplice ma è spesso pericoloso per i nostri francobolli costosi. Da notare che secondo i periodi, resta preferibile di conservare i francobolli sui loro supporti, (lettere, documenti, ecc.…) piuttosto che di decollarli di quest'ultimi.

Infatti alcuni francobolli di collezione hanno più valore su documenti che hanno viaggiati, alla tariffa o vermi delle destinazioni lontane. Non esitate a chiedere consiglio prima di ogni operazione irrimediabile!


Il materiale

    Un vetro d'acqua tiepida
    Il vostro documento bollato
    Una paio di forbici
    Un appoggio assorbente (carta assorbente, sopalin, giornale…)
    Una pinza a francobolli

 

Attuazione

Innanzitutto, cominciate per ritagliare l'appoggio attorno al francobollo lasciando un margine di 1cm dintorni, ciò vi eviterà di distruggere alcuni denti al passaggio. Premuratesi di togliere ogni eccedenza di carta al dorso del frammento (fodera di colore, abbassa, ecc.…). In seguito tuffare il francobollo nel recipiente d'acqua tiepida e lasciare inzuppare alcuni minuti.


Vegliare a non lasciare inzuppare il francobollo troppo a lungo, le fibre su carta di quest'ultimo si indebolirebbe ed il vostro francobollo rischierebbe di strapparsi (riconoscete che sarebbe danno dopo tutto questo lavoro).

Dintorni 5 minuti più tardi, recuperate il francobollo ed il suo appoggio e separate delicatamente l'uno dell'altro. Potete anche, passare leggermente il dito al dorso del francobollo per togliere qualsiasi resto di gomma.

Non vi rimane soltanto da mettere quest'ultimo sul vostro supporto assorbente affinché si essicchi perfettamente.

Una volta secco, il vostro francobollo può incurvarsi, prima di sistemarlo nei vostri Classificatori filatelici, lasciate durante alcune ore tra 2 strati di carta alla cima di cui avrete messo un automezzo pesante. Per i francobolli autoadesivi consultate quest'articolo.


Sotto troverete un video sommaria